Startup innovative, cosa sono? Significato di Startup?

consulenza-start-up-innovative-finanziamenti

COSA E’ UNA START UP? 

Un mondo in fermento quello delle startup. Ma di cosa si tratta realmente?

Un’organizzazione temporanea o una società di capitali, che ha lo scopo di cercare un business model, una nuova idea imprenditoriale, o comunque soluzioni organizzative e strategiche, scalabili e ripetibili.

Questa è la definizione che Steve Blank dà di startup.
Accademico, tecnologo, scrittore, un guru nell’universo start up dice di aver impiegato ben 10 anni per delineare questa definizione così precisa.
Questo ci fa capire quanto difficile sia racchiudere il significato di start up in un’unica frase.

Le interpretazioni, in realtà, sono varie, ma la maggior parte sembrano fondarsi su un trade union: il requisito della novità.

Eric Ries, autore del best seller The Lean Start Up, ci dice: la startup è un’istituzione umana concepita per offrire nuovi prodotti o servizi in condizioni di estrema incertezza.

E continuiamo a parlare di novità con Peter Thiel, fondatore di Pay Pal, che definisce la startup un monopolio. Lo startupper va dove nessun altro è già andato e si differenzia talmente tanto da eventuali concorrenti da superare la concorrenza stessa. Novità di prodotto? Si, ma anche di processo. Pensiamo al caso Mc Donald’s, al suo concept e al layout.

… arrivarono le startup innovative in Italia!

Sono oltre ottomila, in Italia, le startup innovative iscritte oggi al Registro delle imprese.
Tutte in possesso dei requisiti raccomandati dall’art. 25 commi 2 e 3 del DL 179/2012, poche quelle che superano i 100 k di fatturato.
Esperimento fallito o possiamo parlare di ecosistema italiano delle startup?

Requisiti, Finanziamenti, Investor forse il problema è alla base!
Idee imprenditoriali scalabili, business model validati e ricerche di mercato, team e soft skill…

La startup è una vision che supera la concezione di impresa e che può rappresentare una svolta economica del Paese, costruita sul modello d’oltreoceano, ma che passa necessariamente da un rinnovamento culturale.

… quali esempi di startup nel Mezzogiorno?

Energie rinnovabili?
Niteko, startup pugliese che fattura milioni di euro grazie all’illuminazione e alll’internazionalizzaizone;
Green Rail, startup innovativa che durante il programma televisivo, Shark Tank, ha respinto un’offerta di 1 milione di euro;

Innovazione digitale e tecnologica?
Youbiquo, la startup innovativa campana che fa concorrenza a Google sugli smart glasses;
Flazio, una piattaforma che in pochi minuti consente a chiunque di creare un sito web.

Vocazione sociale?
Proprio, Urban Labs, la prima startup innovativa a vocazione sociale d’Italia registrata senza il supporto del Notaio. Al lavoro per la prima piattaforma di matching in Italia, open source!

Quali requisiti deve avere una Startup in Italia?

Hai un’idea imprenditoriale? Condividila con noi e richiedi supporto ai nostri Project Manager, clicca qui e affidati a chi ha avuto i tuoi dubbi, le tue difficoltà, a chi ossessionato continuamente da innovazione e scalabilità del prodotto.

Ma quali requisiti distinguono una startup da una idea imprenditoriale?
Quali una startup da una startup innovativa? E le start up innovative a vocazione sociale? 

Tutto questo nel prossimo approfondimento Startup innovative: requisiti e consigli.
Resta aggiornato!